Ritualità

Contenuti correlati a "Ritualità"

Stelle e rose nel giardino di Juan Diego

Stelle e rose nel giardino di Juan Diego

 

Maria è il cielo stellato: l’associazione diviene così semplice, così spontanea quasi. Così come naturalmente i versi di Torquato Tasso della sua Qual rugiada, qual pianto sembrano dipingere la mente, scandendo nella memoria immagini e fruscii, echi nel cuore della presenza della Vergine Maria: «Qual rugiada o qual pianto / quai lagrime eran quelle / che sparger vidi dal notturno manto / e dal candido volto de le stelle? / E perché seminò la bianca luna / di cristalline stelle un puro nembo / e l’erba fresca in grembo?». Sembra intravedere in quell’ultima parola — «grembo» — il ventre della Vergine Maria: «benedetto il grembo tuo, Gesù».
Juan Diego Cuauhtlatoatzin (1474-1548) non poteva — certamente — conoscere quell’espressione fino a quando non si convertì al cristianesimo. Fu uno dei primi indios a ricevere il sacramento del battesimo, grazie ad alcuni frati francescani, tra i primi missionari nelle terre messicane.

 

Continua a leggere su osservatoreromano.va...
 

 

Data: 15 Dicembre 2020

Liturgia e architettura nell’età tardoantica

L’evoluzione della liturgia nel corso dei secoli ha influito sullo sviluppo dello spazio dedicato al culto. Per quanto riguarda il rapporto tra liturgia e architettura in epoca tardoantica, il seguente contributo per TreccaniChannel, Sible de Blaauw, Titolare della cattedra di Arte e Architettura paleocristiana presso Radboud Universiteit di Nijmengen (Paesi Bassi), approfondisce e spiega tale rapporto.

 

Data: 25 Novembre 2020