Papa Francesco

Contenuti correlati a "Papa Francesco"

Dove sente, ascolta

Dove sente, ascolta
La comunicazione controcorrente di Francesco

 

Si può comunicare ascoltando? Viviamo in un tempo nel quale sembra che se non abbiamo l’ultima parola abbiamo “perso” nella comunicazione. Lo vediamo ogni giorno nei talk show televisivi e nei dibattiti tra esponenti politici. Lo sperimentiamo personalmente sui social network (la piazza più frequentata oggigiorno), dove se non pubblichiamo l’ultimo tweet o il post conclusivo, sembra che usciamo sconfitti da una conversazione, qualsiasi ne sia stato il tema. Papa Francesco ha ribaltato questo paradigma funzionalista della comunicazione, che considera il comunicare un’arma per vincere contro l’altro e lo ha riportato al suo valore primario: un dono, un’opportunità, che ci aiuta a crescere insieme all’altro.

 

Continua a leggere su Lingua italiana il magazine di treccani.it...
 

Data: 30 Dicembre 2020

Papa Francesco: la riforma liturgica è irreversibile

Il 24 agosto 2017 papa Francesco ha sottolineato l’irreversibilità della riforma liturgica nel discorso ai partecipanti alla LXVIII Settimana Liturgica Nazionale 

La Chiesa è davvero viva se, formando un solo essere vivente con Cristo, è portatrice di vita, è materna, è missionaria, esce incontro al prossimo, sollecita di servire senza inseguire poteri mondani che la rendono sterile

 

Data: 25 Novembre 2020

Un vertice cristiano dimezzato a Bari

«Partirà con una ferita ecclesiale, il vertice cristiano previsto tra un mese a Bari in solidarietà con i fratelli perseguitati in Medio Oriente, se ad esso non parteciperà il patriarca di Mosca, a causa dei suoi contrasti con quello di Costantinopoli.
Papa Francesco ha convocato per il 7 luglio, nel capoluogo della Puglia dove si conservano le reliquie di san Nicola, veneratissimo nelle Chiese ortodosse, un grande incontro cristiano, presenti sperabilmente i patriarchi delle Chiese ortodosse e delle Antiche Chiese orientali (armeni, siri e copti), perché tutti direttamente o indirettamente interessati alla penosa sorte dei cristiani uccisi da gruppi fondamentalisti islamici o comunque spesso penalizzati da leggi restrittive di molti paesi dell’area.»

di Luigi Sandri (redazione Confronti)
6 giugno 2018

Continua a leggere l'articolo 

Data: 07 Giugno 2018