Ebraismo

Contenuti correlati a "Ebraismo"

CDEC: progetti e appuntamenti

A colloquio col CDEC su progetti e appuntamenti in agenda all’insegna dei valori democratici

 

A poche settimane dall’inaugurazione della nuova sede e dell’apertura al pubblico degli spazi della biblioteca del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea al Memoriale della Shoah in piazza Edmond Safra a Milano, Mosaico ha incontrato Laura Brazzo, appena nominata vicedirettore del CDEC. “Un nuovo ruolo, per me come per il CDEC, proposto dal nostro direttore Gadi Luzzatto Voghera e accolto dal CdA. La nomina è avvenuta alla fine di luglio, ma sono formalmente entrata in carica dal 1° settembre – spiega Brazzo -. È una posizione importante che il CDEC ha ritenuto di introdurre contemporaneamente al trasferimento dalla sua storica sede di via Eupili ai nuovi, ampi spazi presso il Memoriale della Shoah, segnale di un processo di crescita dell’istituto. Negli ultimi tempi abbiamo avuto l’ingresso di un gruppo di giovani under 35 che sta portando al CDEC nuove energie e stimoli, da Bianca Ambrosio alla Comunicazione, a Sara Buda alla Ricerca, Murilo Cambruzzi all’Osservatorio antisemitismo, Jasmine Ferrario Sardi e Chiara Manniello in Biblioteca.

 

Continua a leggere su mosaico-cem.it...
 

 

Data: 21 Settembre 2022

Cultura ebraica, una festa europea

Cultura ebraica, una festa europea

 

Da Schirmeck in Alsazia il via a una nuova edizione della Giornata Europea della Cultura Ebraica sotto il cappello dell’AEPJ, l’associazione europea per la preservazione e valorizzazione del patrimonio ebraico e organizzazione ombrello della Giornata (che in Italia si svolgerà il 18 settembre, con Ferrara città capofila). I festeggiamenti sono iniziati nel segno di un emozionante ritorno: quello di un antico Sefer Torah, messo in salvo al tempo della Shoah da un amico cristiano di un giovane ebreo deportato.

 

Continua a leggere su moked.it...
 

Leggi anche Una Giornata per il rinnovamento, il programma a portata di click su moked.it...
 

Data: 07 Settembre 2022

La scuola restituita

La scuola restituita. A Rondine le vittime delle Leggi Razziali tornano tra i banchi per un giorno

 

Il 5 settembre 2022 è un giorno di scuola speciale. È il primo del calendario scolastico per i 31 studenti del “Quarto Anno Rondine”, che hanno scelto di frequentare il quarto anno delle superiori nella Cittadella della Pace di Arezzo. Quest’anno, insieme a loro, tra i banchi ci sarà anche un gruppo di ex alunni ebrei, che nel 1938 furono cacciati dalla scuola italiana, vittime della discriminazione e della persecuzione del fascismo, che proprio il 5 settembre del 1938, con il “Regio Decreto Legge n.1390 per la difesa della razza nella scuola fascista”, promulgava la sua prima normativa antiebraica.
L’iniziativa è realizzata da Rondine Cittadella della Pace in collaborazione con l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane, nel borgo toscano dove studenti italiani e giovani di tutto il mondo, “nemici” tra loro, appartenenti a popoli in guerra, si formano fianco a fianco per essere agenti del cambiamento e leader di pace a partire dalla costruzione della relazione.

 

Continua a leggere su mosaico-cem.it...
 

Data: 31 Agosto 2022

Ebrei d’India, i conti non tornano

Ebrei d’India, i conti non tornano

 

Di recente un articolo di Haaretz si avventurava nell’analisi della sorprendente quanto clamorosa sovrarappresentazione degli ebrei nei siti matrimoniali indiani. L’articolo traeva spunto da una serie di dati che in effetti appaiono a prima vista stupefacenti, soprattutto per chi non è al corrente delle dinamiche che regolano la scelta del partner matrimoniale in una società complessa come quella indiana. Sul principale sito matrimoniale indiano, www.shadi.com, 3,5 milioni di persone risultano iscritte ad oggi come “ebree”. Si tratta di circa il 10 per cento del totale degli iscritti al sito che, con i suoi oltre 35 milioni di utenti, è il principale portale di questo genere in India. Con un numero così elevato di iscritti ebrei il portale indiano si è auto definito in passato come “il servizio matrimoniale per ebrei numero uno al mondo”.

 

Continua a leggere su moked.it...
 

Data: 03 Agosto 2022

Un nuovo corso post-laurea di Studi Ebraici

Al LIMEC, un nuovo corso post-laurea di Studi Ebraici

 

Negli ultimi anni, è sempre più aumentato l’interesse generale per i corsi dedicati alla lingua e alla cultura ebraica, sia israeliana che della diaspora. Per venire incontro a questa crescente richiesta, a novembre verrà inaugurato il nuovo Corso di Alta Formazione in Studi Ebraici della LIMEC – Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Milano, che ne ha presentato i contenuti in un incontro su Zoom, avvenuto giovedì 21 luglio.
Il corso, che durerà due anni al termine dei quali si ottiene un diploma post-laurea, è stato presentato da Andrea Bienati, direttore didattico della LIMEC, e dalla docente Elena Lea Bartolini, che faranno parte del corpo docenti assieme ad altri esperti, quali le traduttrici dall’ebraico Sara Ferrari e Raffaella Scardi e lo storico Claudio Vercelli.

 

Continua a leggere su mosaico-cem.it...
 

Scarica brochure e modulo d'iscrizione su limec-ssml.com...
 

 

 

Data: 27 Luglio 2022

Bologna, il Memoriale prende vita

Bologna, dai film agli skater. Il Memoriale prende vita

 

Costruire attorno al Memoriale una realtà viva. Era uno degli obiettivi che Daniele De Paz, presidente della Comunità ebraica di Bologna, si era posto per il Memoriale della Shoah cittadino. A distanza di sei anni dall’inaugurazione dell’installazione – due imponenti muri paralleli, fortemente evocativi, che dominano la piazza tra via Carracci e il ponte di via Matteotti -, il luogo è diventato sempre più un punto di riferimento per i bolognesi. E per valorizzarlo ulteriormente, la Comunità ebraica ha deciso di portarvi la quarta edizione della rassegna “Treni verticali”. Quattro serate (18-21 luglio), aperte al pubblico, incentrate sui temi dell’inclusione e della lotta alle discriminazioni con la proiezione di docufilm, performance artistiche e sportive con l’obiettivo di coinvolgere diverse fasce d’età. “Come abbiamo sempre dichiarato da quando abbiamo inaugurato la piazza e il monumento alla Shoah, pensiamo che la Memoria in quanto tale debba necessariamente rinnovarsi in un’azion viva. – spiega oggi De Paz – E avere in questo luogo eventi a cui partecipa tutta la città, in cui la conoscenza è strumento principale per promuovere il rispetto, segue questa linea di pensiero”.

 

Continua a leggere su moked.it...
 

Data: 20 Luglio 2022

“Venezia ebraica, grande fermento”

“Venezia ebraica, grande fermento. Vogliamo essere un esempio”

 

Sono settimane di grande fermento tra gli ebrei veneziani: l’arrivo del nuovo rabbino capo a inizio settembre; la prosecuzione dei lavori che daranno un nuovo volto al Museo ebraico cittadino; l’apertura di un nuovo ristorante casher in Campo del Ghetto. “Un segno di vitalità che fa ben sperare” sottolinea Dario Calimani, presidente della Comunità ebraica dal marzo dello scorso anno. Elementi distinti ma intrecciati a comporre una strategia “di rinnovamento che guarda al futuro anche attraverso una più ampia partecipazione e un più ampio coinvolgimento dei giovani: per realtà come la nostra, gloriose ma con numeri piccoli, una sfida esistenziale”.
L’avvio del nuovo anno ebraico sarà l’occasione per accogliere in città rav Alberto Sermoneta, per 25 anni rabbino capo a Bologna, la cui assunzione è stata annunciata alcune settimane fa.

 

Continua a leggere su moked.it...
 

Leggi anche Il ghetto ebraico della Serenissima Repubblica di Venezia su storicang.it...
 

Data: 20 Luglio 2022

Else Jerusalem, femminista a Vienna

Else Jerusalem, femminista a Vienna nei primi anni del ‘900

 

È uscito nel 2016, nelle meritevoli ed attente “Edizioni Via del Vento” di Pistoia, uno striminzito libretto di Else Kotànyi Jerusalem dal titolo “Liberazione e altre prose inedite”. Claudia Ciardi, traduttrice dal tedesco e curatrice del testo, scrive nella postfazione che le prose pubblicate sono le prime di questa autrice mai apparse in Italia. Eppure oltre un secolo fa, nel 1909, la Jerusalem aveva pubblicato a Vienna, presso il noto editore Samuel Fischer, un romanzo dal titolo “Lo scarabeo sacro” che ebbe un impatto enorme sull’opinione pubblica della capitale dell’impero austro-ungarico al punto che fino al 1926 si contarono ben 40 ristampe.

 

Continua a leggere su mosaico-cem.it...
 

 

Data: 13 Luglio 2022