Cristianesimo

Contenuti correlati a "Cristianesimo"

Gli anglicani e il sacerdozio femminile

Gli anglicani e il sacerdozio femminile

 

Il 26 febbraio del 1987 il Sinodo della chiesa anglicana votava a favore dell’ordinazione delle donne al sacerdozio, ma l’allora arcivescovo di Canterbury Robert Runcie precisava altresì che per arrivare a una decisione definitiva, doveva essere istituita una Commissione. Il sinodo, dunque, pronuncerà il suo sì definitivo solo nel 1992.

 

Continua a leggere su riforma.it...
 

 

Data: 03 Marzo 2021

La Bibbia come Classico dei Classici

La Bibbia come Classico dei Classici

 

La Bibbia si pone al centro della tradizione ebraica in quanto testo sacro latore della legge perfetta e divina in forma scritta. Prende il nome ebraico di Tanàkh, acronimo che lega in sé inscindibilmente le tre parti di cui è composta (Torah, Nebiìm e Ketubim) e, al contempo, è definita Mikrà (lettura) in quanto oggetto di lettura. Infatti, a differenza dell’universo cristiano, dove il testo sacro è la Scrittura, nel mondo ebraico il Tanàkh è un patrimonio da «osservare», nel duplice senso proprio del lemma italiano: un patrimonio da leggere e da studiare e, al contempo, un patrimonio da rispettare e da custodire in quanto legge dettata da Dio.

 

Continua a leggere su il chiasmo, magazine di treccani.it...
 

 

Data: 03 Marzo 2021

Coptica - Shenoute contro gli idolatri

 

Shenoute di Atripe è unanimemente considerato il più importante autore della letteratura copta. Fu archimandrita del Monastero Bianco e, nella sua lunghissima vita, tra IV e V secolo, scrisse numerose opere e si distinse per la veemenza con cui attaccò qualsiasi comportamento più o meno anticristiano. Nel frammento di sermone qui letto se la prende con la cultura e la religione greca ed egiziana e, nelle battute finali, allude senza troppa precisione alla rappresentazione di un pezzo di teatro classico nell’Alto Egitto di V secolo d.C.

Data: 21 Febbraio 2021

Battesimo – Eucaristia – Ministero

Battesimo – Eucaristia – Ministero. Genesi e destino di un documento ecumenico

 

Condividere lo stesso calice, professare insieme i sacramenti, accettare reciprocamente i ministri. Le tre condizioni indispensabili perché le chiese potessero vivere in comunione le une con le altre, in continuità con gli insegnamenti della chiesa universale furono finalmente poste nel documento di convergenza Battesimo, Eucaristia, Ministero (BEM), approvato da Faith and Order il 12 gennaio 1982... A quasi quarant’anni di distanza questo volume prova a spiegare come un successo così lungamente pianificato da Faith and Order sia potuto arrivare troppo presto, o troppo tardi, ma in ogni caso fuori fase, rispetto al ciclo delle stagioni ecumeniche delle chiese, finendo suo malgrado nella collezione di fossili del movimento ecumenico.

 

Leggi la scheda del libro su fscire.it...
 

 

Data: 20 Gennaio 2021

La Settimana di preghiera

La Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (SPUC)

 

Si tiene dal 18 al 25 gennaio la consueta Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani (SPUC). Evento ecumenico internazionale promosso congiuntamente dal Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) e dal Pontificio Consiglio per la promozione dell’unità dei cristiani (PCPUC), la Settimana si celebra in tutto il mondo. L’edizione 2021 è stata preparata da cinquanta diaconesse della Comunità di Grandchamp, in Svizzera, sui versetti del Vangelo di Giovanni 15, 5-9 sintetizzati con il titolo “Rimanete nel mio amore: produrrete molto frutto”.
Durante gli Otto giorni della Settimana per l’unità del 2021, ci saranno diverse iniziative a livello locale, nazionale e internazionale, sia in presenza che online.

 

Continua a leggere su nev.it...
 

Scarica il materiale per la Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani su ecumenismo.chiesacattolica.it...

Data: 13 Gennaio 2021

Egitto: libertà di culto, un paziente cammino

In Egitto l’effettiva libertà di culto è un paziente cammino
Piccoli spiragli per i cristiani in Egitto. Sale a 1800 il numero di chiese e edifici ecclesiastici “condonati” dal governo egiziano

L’Egitto a lenti passi verso un’effettiva libertà di culto. Nei decenni scorsi, molte chiese e cappelle erano state costruite in tutto il territorio egiziano. In maniera spontanea. Senza tutte le dovute autorizzazioni. Ancora oggi tali edifici, tirati su dalle comunità cristiane locali senza permessi legali, sono al centro dell’attenzione. Continuano di tanto in tanto, infatti, ad essere utilizzati come pretesto dai gruppi islamisti per fomentare violenze settarie.

 

Continua a leggere su interris.it...
 

Data: 06 Gennaio 2021