La diaspora ebraica svelata dalla cartoline

La diaspora ebraica svelata dalla cartoline

 

Inusuale, fare storia attraverso una collezione di cartoline illustrate. Soprattutto con un soggetto etno-religioso difficile come ebrei ed ebraismo. La cartolina, nel comune senso del termine, non è un documento semplice da maneggiare: nasce solo nel 1870, diventa di gran moda all’inizio del Novecento, ma un secolo dopo è quasi morta, come l’antica arte di scrivere lettere a mano, sostituite dai social e dalla tecnologia. Se poi il tema dell’illustrazione è un gruppo religioso, come quello ebraico, che addirittura tramanda e si attiene al precetto di «non farsi immagine alcuna», la faccenda diventa assai delicata: sono cartoline a tema ebraico che però non vengono dal mondo ebraico, furono stampate a scopi commerciali e per rispondere a curiosità o a richieste di esotismo culturale, che l’intellettuale arabo-protestante-americano Edward Said ha stigmatizzato e classificato come “orientalismo”.

 

Continua a leggere su avvenire.it...
 

Data Creazione:
Lun, 31/08/2020 - 23:18